Skyway Cocktail Competition: sfida ad alta quota a colpi di shaker e Anag in giuria
16 October 2017
Accoglienza trionfale a New York per la grappa italiana
20 October 2017
Visualizza tutti

“Italia e Perù nel segno della vite” è il titolo del tour che ha portato sul territorio piemontese – e poi in altre regioni d’Italia – un nutrito gruppo di produttori peruviani di vino e del loro distillato, il Pisco. Il progetto è stato allestito dall’associazione “Las Damas del Pisco”, sodalizio guidato da Gladys Torres Urday (giornalista peruviana con cittadinanza italiana) che promuove a livello internazionale proprio la cultura e l’arte del distillare il Pisco, prodotto di bandiera del Perù.

Il passaggio della delegazione peruviana in Piemonte si è sviluppato anche attraverso la collaborazione con l’Istituto Grappa Piemonte il cui presidente, Alessandro Soldatini, ha relazionato sul tema “Cultura della grappa in Piemonte” al seminario internazionale che si è svolto martedì 10 ottobre al Circolo dei Lettori di Torino.

Lo scambio culturale tra i produttori peruviani e quelli italiani, si è concretizzato poi con la visita a due distillerie aderenti all’Istituto, scelte dal gruppo lungo il loro itinerario: la distilleria Revel Chion di Chiaverano, che ha accolto i sorridenti e interessati ospiti mercoledì 11 ottobre, e la distilleria Mazzetti d’Altavilla di Altavilla Monferrato, che è stata visitata dal gruppo – formato da una cinquantina di persone – nella giornata di sabato 14 ottobre. Due realtà produttive della grappa piemontese su due territori diversi della regione, che hanno offerto agli ospiti la visita agli impianti in attività e le degustazioni dei prodotti. L’esperienza è stata certamente positiva, caratterizzata da interesse ed entusiasmo e ha approfondito la conoscenza delle diverse tecniche di lavorazione e delle diverse culture, oltre ad allacciare una sincera amicizia tra i produttori e le associazioni dei due Paesi.

Fonte: Ufficio stampa Istituto Grappa Piemonte